Interpello: è possibile adattare la formazione ai rischi effettivi?

E’ possibile tarare il percorso formativo dei lavoratori sui loro rischi specifici? Lo permettono gli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 per la formazione dei lavoratori ai sensi dell’articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81?
È questo il senso del quesito della Federazione Italiana Servizi Pubblici Igiene Ambientale (Federambiente) che ha avanzato istanza di interpello per conoscere il parere della Commissione per gli interpelli – prevista dall’articolo 12 comma 2 del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nel lavoro.
Commissione che ha risposto in data 24 ottobre 2013 con l’Interpello n. 11/2013sull’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011. Presentiamo innanzitutto il quesito.
In particolare Federambiente chiede di conoscere “se la durata ed i contenuti della formazione dei lavoratori possa prescindere dall’appartenenza ad uno specifico settore Ateco e possa essere tarata sulla effettiva condizione di rischio che si rileva, per ciascuna attività lavorativa, a valle del processo di valutazione”.
Per rispondere la Commissione riporta quanto previsto dagli Accordi del 21 dicembre 2011.
Si ricorda che l’ Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 “disciplina la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione. nonché l’aggiornamento dei lavoratori, ai sensi dell’art. 37, comma 2, del D.Lgs. n. 81/2008. La suddetta formazione, come esplicitato nella premessa dell’accordo in parola, da erogare al lavoratore e, per quanto facoltativa nell’articolazione, ai dirigenti e ai preposti, costituisce un percorso minimo da organizzare ed integrare sulla base delle risultanze della valutazione dei rischi”.
Successivamente l’ Accordo Stato Regioni del 25 luglio 2012, relativo alle linee guida applicative ed integrative dell’accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011, “chiarisce che la classificazione dei lavoratori, può essere fatta anche tenendo conto delle attività concretamente svolte dai soggetti medesimi, avendo a riferimento quanto nella valutazione dei rischi”.
Tutto ciò premesso la Commissione fornisce le seguenti indicazioni.
Innanzitutto si ribadisce che l’articolo 37, comma 1, del D.Lgs. n. 81/2008, prevede che il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento ai […] rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.
 
E dunque, “alla luce delle vigenti disposizioni normative ed in particolare sulla base di quanto indicato negli accordi Stato-Regioni citati”, la formazione – che deve essere sufficiente ed adeguata – “va riferita all’effettiva mansione svolta dal lavoratore, considerata in sede di valutazione dei rischi; pertanto la durata del corso può prescindere dal codice Ateco di appartenenza dell’azienda”.
(fonte Puntosicuro)
Questa voce è stata pubblicata in Sicurezza. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...