Bando ISI 2015, contributi a fondo perduto per le aziende virtuose

risparmia-INAIL2

 

Bando ISI 2015, l’Inail ha pubblicato il nuovo bando che mette a disposizione delle aziende contributi a fondo perduto per progetti di miglioramento della sicurezza.
Dal primo marzo 2016 al 5 maggio 2016 le aziende possono effettuare sul portale dell’Inail le domande di finanziamento.

Bando ISI 2015, soggetti destinatari
I soggetti destinatari dei contributi sono tutte le imprese, anche individuali, ubicate sul territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura.

Bando ISI 2015, entità del contributo
Il contributo, in conto capitale, è pari al 65% delle spese sostenute dall’impresa per realizzare il progetto. Il contributo massimo varia da 5.000 a 130.000 euro; per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di contributo.

Bando ISI 2015, bonifica amianto
Una novità del bando ISI 2015 è rappresentata dall’introduzione di uno specifico asse di finanziamento dedicato ai progetti di bonifica dall’amianto.

Bando ISI 2015, modalità di erogazione
Gli incentivi ISI, ripartiti su singoli avvisi regionali pubblicati sul portale dell’Inail, vengono assegnati fino a esaurimento secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Il contributo viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto; è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito (quali, per esempio, quelli gestiti dal Fondo di garanzia delle Pmi e da Ismea).

Bando ISI 2015, progetti ammessi a contributo
Sono ammessi a contributo progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie:

-progetti di investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori
-progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
-progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

Le imprese possono presentare un solo progetto per una sola unità produttiva, riguardante una sola tipologia tra quelle sopra indicate.
Per i progetti di tipologia 2, l’intervento richiesto può riguardare tutti i lavoratori facenti capo ad un unico datore di lavoro, anche se operanti in più sedi o più Regioni.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...